Studio conoscitivo della dimensione ottimale dei fenomeni di associazionismo e unione dei Comuni – Volume due: le Unioni

Piano Strategico Unione della Romagna Forlivese
18 Marzo 2021
Percorso di partecipazione LAB R2
16 Febbraio 2021

Questo studio conoscitivo ha come obiettivo, sulla base dell’incarico conferito dalla Regione Veneto, di analizzare lo stato attuale della governance di dodici Unioni per valutare i risultati conseguiti attraverso la gestione dei servizi in forma associata, ed evidenziare le buone pratiche.

L’obiettivo di questa analisi è quella di misurare la performance di questi Enti, in termini economici, finanziari e organizzativi, con particolare riferimento all’andamento della spesa delle funzioni e dei servizi, per evidenziare le possibili economicità e razionalizzazioni conseguenti a una gestione associata.

A tal fine, è stato sviluppato un modello di analisi mirato a evidenziare le dinamiche che hanno caratterizzato questi territori sia dal punto di vista socio-demografico, che dal punto di vista economico finanziario.

In particolare, per ognuna delle funzioni gestite in forma associata da parte di questi Enti, sono stati analizzati alcuni indicatori relativi alla spesa del servizio, alla spesa di personale, ai trasferimenti dei Comuni all’Unione.

Inoltre, è stata analizzata la spesa complessiva per le gestioni associate dell’Unione, il suo andamento nel corso del tempo, l’andamento dei trasferimenti dei Comuni, l’andamento della spesa di personale per abitante e infine l’andamento dei trasferimenti statali e regionali di parte corrente.

L’analisi di questi dati viene riportata nel documento  Unione per Unione e in serie storica, su un arco temporale che va, dove possibile, anche in base all’anno in cui l’Unione si è costituita, dal 2011 al 2019.ù

In conclusione delle analisi delle singole Unioni, inoltre, viene proposto un modello di confronto tra diversi servizi gestiti in forma associata, per i quali attraverso un set di indicatori viene fatto non soltanto un confronto tra le Unioni, ma anche rispetto al benchmark di alcuni Comuni, scelti per caratteristiche demografiche omogenee agli Enti facenti parte delle Unioni, che gestiscono invece il servizio singolarmente.